Minima Moralia

 

Agave

 

Non sono utile né bella,

Non ho colori lieti né profumi;

Le mie radici rodono il cemento,

E le mie foglie,marginate di spine,

Mi fanno guardia,acute come spade.

Sono muta. Parlo solo il mio linguaggio

[di pianta,

Difficile a capire per te uomo.

È un linguaggio desueto,

Esotico, poiché vengo di lontano,

Da un paese crudele

Pieno di vento, veleni e vulcani.

Ho aspettato molti anni prima di esprimere

Questo mio fiore altissimo e disperato,

Brutto, legnoso, rigido, ma teso al cielo.

È il nostro modo di gridare che

Morrò domani. Mi hai capito adesso?

 

10 settembre 1983

 

Primo Levi, Ad ora incerta, Garzanti, 1984

   

Share |