Libri

 

 

Incontrarsi a Gerusalemme

 di Paola De Benedetti

 

Lo shochet di un insediamento ultraortodosso che riconosce solo la verità scritta nella Torah; il membro di un kibbutz alla frontiera con Gaza “sionista, formalista, ritualista” che non ama tanto gli arabi;  un morigerato sionista fiorentino ottantenne che pare vivere fuori dalla realtà; tra queste quasi macchiette la prima figura positiva che si incontra è un palestinese professore di chimica presso l’università di Hebron. E poi il Patriarca greco-ortodosso, che si considera, come cristiano a Gerusalemme, inutile testimone di un dramma altrui; un disinvolto prete cattolico (presso il cui istituto è ospite l’autore) che disserta su Gesù ebreo; un medico pediatra italiano volontario in un ospedale nei territori; il custode palestinese di un cimitero che vende monete antiche false; un insegnante di Talmud che racconta il suo transito dal chassidismo alla modernità e altri ancora, che lascio al lettore di scoprire.

Sono gli incontri che Giuliano Della Pergola, professore presso la Facoltà di Architettura a Milano, saggista, pittore, critico d’arte, ha fatto durante un anno sabbatico quando era ancora docente (quindi – a spanna – non dopo i primi anni di questo secolo).

Colpisce il fatto che non vi sia, a distanza di anni (il libro è stato stampato soltanto nel 2019) il ricordo di un, uno solo, israeliano ebreo che entri in sintonia con l’autore; di qui, per chi legge, un dubbio: l’autore è stato tanto sfortunato da non incontrarne alcuno? O semplicemente non li ha cercati? O il suo ricordo è stato volutamente selettivo? Chiuso il libro rimane la sensazione che Giuliano Della Pergola abbia voluto tenere in ombra una parte della realtà israeliana, quella, per intenderci, che è – o era – rappresentata per esempio da Oz, Yehoshua, Grossman, Sternhell, o anche solo (mi scusino per il solo) dai corrispondenti israeliani di Ha Keillah.

Paola De Benedetti

 

Giuliano Della Pergola, Incontrarsi a Gerusalemme, Ed. Tabula fati, 2019, pp. 155, € 13

 

 

 

Share |