Ricordi

 

 

Un amico, un Maestro

di Reuven Ravenna

 

Abbiamo accompagnato all'ultima dimora nel cimitero di Raanana Rav Giuseppe Laras z.l. L'ho conosciuto nel dopoguerra alla Colonia Ebraica di Riccione. Mi cimentavo con il bambinone sulla sabbia della spiaggia, attorniato da amichetti. Beppe proveniva se ben ricordo dall'Orfanatrofio israelitico di Torino con altri coetanei. Non conoscevo allora il passato di ognuno. Lungo iI corso della mia vita lo rincontrai poche volte, pur seguendo la sua ascesa da lontano. E ancor più il legame indiretto si è perpetuato dopo il matrimonio con Wally Rabello, figlia di una famiglia a me molto cara. Mi è rimasto scolpito l'ultimo incontro a Venezia, dove presiedeva il Bet Din per un ghiur in loco. Notai la sua gioia di rivedermi dopo tanti anni. Leggendo il compianto espresso dai maggiori organi di stampa italiani ho recepito la grandezza del Maestro, Rav di Comunità che hanno segnato il passato e il presente dell'Italia ebraica, dello studioso del pensiero di Israele che ci ha lasciato opere di grande valore intellettuale e soprattutto il protagonista del dialogo inter-religioso cruciale nel nostro mondo così problematico. E mi hanno toccato nel mio profondo l'ultimo scritto, espressione di preoccupazioni per la Comunità, la memoria della mamma e della nonna strappate barbaramente nella sua infanzia e nello stesso tempo la sua esternazione di una fede cristallina.

Beppe, che la Terra d'Israele ti sia lieve!

Reuven Ravenna

 

Rav Giuseppe Laras

 

 

Share |